QUARESIMA in evidenza

Quaresima 2021

QUAR21 RICERCA DELL’UOMO, RICERCA DI DIO

XVII EDIZIONE

GIOVEDÌ 1 APRILE 2021

A riveder le stelle insieme ai nostri fratelli

Siamo giunti alla fine di questo percorso quaresimale ispirato all’enciclica di Francesco Fratres Omnes. Per quaranta giorni abbiamo riflettuto sul senso della fratellanza, una dimensione che crediamo familiare ma che invece è tutta da riscoprire. Francesco ci ha guidati per mano in un cammino impervio, pieno di ostacoli che ogni giorno mettono a dura prova il nostro procedere alla ricerca di senso. Fratellanza è una parola semplice ma la sua realizzazione è tutt’altro che scontata. La pandemia che continua a spargere dolore ci ha mostrato brutalmente quanta poca fratellanza c’è rimasta in questo mondo e quanta ne dobbiamo recuperare per vincere questa battaglia. Da soli non andiamo da nessuna parte. Nessuno si salva da solo, per dirla con Francesco.

Ce ne accorgiamo dalle cicatrici del nostro cuore, provato dai lutti e dalla sofferenza che da un interminabile anno scandiscono le nostre giornate. Dobbiamo andare avanti, ma questa volta tenendoci per mano. Come la mano di Virgilio che accompagna Dante nel viaggio più straordinario che l’uomo abbia mai fatto, quello dentro di sé, nella selva oscura delle sue paure, ma con la speranza di rivedere la luce delle stelle.

Aspettiamo questa Pasqua di resurrezione come i soldati romani che, guardando le stelle, alla fine di una lunga battaglia, speravano nel ritorno dei compagni all’accampamento. Lì, nelle campagne ai confini dell’impero, con il naso all’insù, de-siderando di riveder le stelle insieme ai nostri fratelli.

La Quaresima 2021 è finita, ma il viaggio dei pensatori non termina qui.

Grazie a tutti voi che avete seguito Michele, Lodovico e noi con pazienza e interesse; un grazie particolare ad Amiche e Amici che, da Bruxelles alla Tanzania, dall’Australia a Piacenza, a Roma, a Venezia, hanno contribuito ad arricchire il nostro cammino di riflessione.

Buona Pasqua autentica!

Giovanni de Gaetano e Marialaura Bonaccio