QUARESIMA in evidenza

QUAR20 RICERCA DELL’UOMO, RICERCA DI DIO XVI EDIZIONE MARTEDÌ 7 APRILE 2020

La giustizia fondamentale è la compassione
Trovo orripilante la storia di un Dio che esige la
crocifissione del proprio figlio, che ordina lo sterminio di intere popolazioni
e che condanna all’inferno per una trasgressione. Mi viene da sorridere a
pensare che l’unico sacrificio che i giovani della mia generazione chiedevano
alle loro belle, per avere testimonianza del loro amore, fosse la verginità,
mentre Dio richiedeva al figlio una crocifissione! Sul portale del duomo di
Ferrara c’è un bassorilievo medievale in cui Dio, con una canna da pesca, usa
Gesù come esca per adescare un leviatano che rappresenta il diavolo. Detto questo, però, debbo riconoscere che il male è
reale. Infatti la mia fede di base è che vivo perennemente in mezzo a un mare
in tempesta e Gesù mi offre un salvagente a cui mi aggrappo, grato, senza
domandarmi se è stato collaudato e se ha tutte le certificazioni richieste. Le
tradizionali rappresentazioni di un Dio capriccioso, vendicativo e sadico sono
tentativi umani di spiegare un problema che non può essere spiegato in nessun
modo. Per me non è tanto importante la raffigurazione di Dio, che è sempre
inadeguata, ma che una persona riconosca il mistero pasquale, cioè la
redenzione attraverso la sofferenza. Redenzione dal male, dalla menzogna che
nutre il male. Non è importante stabilire se una persona è colpevole o no di un
misfatto; è importante invece riconoscere che quella persona ha una malattia
mortale e contagiosa ed essere capaci di offrire una guarigione. Il modo in cui
si arriva alla guarigione non è importante.La mia interpretazione personale è che la creazione
del mondo implicava comunque il male. Dio ha creato ugualmente il mondo e si è
offerto di uccidere il male con la sua propria morte. Io credo che il Dio Figlio
abbia umanizzato il Dio Padre e che lo Spirito Santo sia uno spirito di
compassione sovrumana. Padre Cristoforo aveva riconosciuto che la giustizia
fondamentale è la compassione.
Lodovico Balducci